CALCIO

Chi è Simone Farelli, nuovo portiere della Roma


Ha esordito in A nel 2012, e negli ultimi anni tra Pescara, Novara e Arezzo non è mai sceso in campo. Adesso, dopo un’estate da svincolato, farà parte della rosa di Fonseca

Passare in poche ore dalla lista degli svincolati alla rosa della prima squadra della Roma. Passare, nel giro di pochi minuti, da poche centinaia di follower a quasi duemila: è la storia, o per meglio dire la favola, di Simone Farelli. Portiere di 37 anni, una vita nelle categorie minori con la punta di diamante dell’esordio in Serie A nel 2012 col Siena, gli ultimi anni in panchina a Pescara, Novara e Arezzo senza mai scendere in campo, è stato a sorpresa tesserato dalla Roma fino al termine della stagione. Segnalato dal preparatore Savorani, che lo ha avuto a Siena, guadagnerà poco meno di 40mila euro, ma in questa storia i soldi non c’entrano. Lui avrebbe firmato anche gratis, pur di passare dal divano di casa al campo con Dzeko e compagni, la Roma lo ha voluto perché professionista serissimo, integro fisicamente, adatto a far rendere al meglio in allenamento al meglio sia Mirante sia Pau Lopez. Il Primavera Boer potrà così giocare di più con la squadra di De Rossi e crescere, Farelli invece coronerà il sogno di una vita.

QUATTRO ANNI DOPO

—  

Sposato, padre di due bambini, dopo la salvezza in B col Pescara, da colonna dello spogliatoio pur non giocando mai, ha già sostenuto le visite mediche e da lunedì si allenerà con i nuovi compagni. Non gioca una partita ufficiale dal 30 dicembre 2016, quando indossava la maglia del Trapani, non immaginava certo di tornare alla sua età in una rosa di A, per dire più con la Roma ma d’altronde, fino a qualche giorno fa, non era neppure sicuro di giocare ancora a calcio. Da Savorani e da Trigoria, invece, è arrivata la svolta. “Una telefonata allunga la vita”, diceva un vecchio spot di qualche anno fa. Se quella (sportiva chiaramente) di Farelli sarà più lunga nessuno lo sa, ma di sicuro da lunedì avrà un nuovo sorprendente capitolo da raccontare ai nipotini.